La Casa di Erasmo e il Beghinaggio

La Casa di Erasmo e il Beghinaggio sono due musei communali fra i più antichi del Belgio. Insieme alla Canonica di SS. Pietro e Guido formano un contesto storico di qualità, memoria del passato glorioso del Comune di Anderlecht che ebbe un forte sviluppo nel Medio Evo grazie al culto di S. Guido, santo protettore del bestiame, e alla sua localizzazione sulla via del grande pellegrinaggio San Giacomo di Compostella. Nel 1252, grazie alla donazione di un canonico, fu insediato un piccolo beghinaggio di otto personne, all'ombra della Canonica.

Intorno alla Canonica c'erano varie case importanti, abitate dai canonici del Capitolo di Anderlecht (fra i quali un papa, Adriano VI nel 1522). In una di queste case appunto, il grande umanista Erasmo da Rotterdam venne a trovare il suo amico Pieter Wijchmans, canonico direttore dell'insegnamento.

Anderlecht a quell'epoca era un villaggio di campagna piccolissimo, di sole 300 anime: ecco perché Erasmo scrisse all'amico francese Guillaume Budé che era venuto ad Anderlecht per seguire il suo consiglio, perché anche lui voleva incominciare a fare il contadino!

Anche se fu un breve soggiorno, ebbe une grande importanza infatti già nel XVII secolo, la gente veniva in "pellegrinaggio" a vedere la casa "in cui era vissuto il grande Erasmo". Oggigiorno, questa casa è contemporanemente un museo di opere antiche (dipinti di primitivi fiamminghi, sculture, mobili) e un centro di studi ricco di migliaia libri preziosi, dove molti studiosi continuano l'attività scientifica di Erasmo.

in alto
musée érasme